La nostra filosofia: una vita dedicata al lavaggio ad ultrasuoni

Il grado di finitura nel lavaggio

La definizione del grado di finitura nel lavaggio industriale e le esigenze effettive di sgrassatura di Laboratori e Officine Meccaniche

Il grado di finitura e pulitura non è uno standard eguale per tutti come comunemente si potrebbe supporre. La perfetta pulitura di un particolare meccanico, elettrico o qualunque esso sia, è definita in larga misura dal cliente che lo lavora e lo immette sul mercato.

Che cosa significa questo? Semplicemente che ogni azienda di produzione o di conto lavorazione terzi (subfornitura) ha esigenze diverse, e quello che è pulito per uno può benissimo non esserlo per gli altri competitors del suo stesso settore.

Anche su prodotti e oggetti molto simili o che hanno avuto un processo produttivo del tutto eguale, si osservano esigenze di lavaggio diversificate, a volte con poche differenze, in svariate occasioni con soluzioni di lavaggio da adottare totalmente diverse da quanto si presupponeva.

Esperienze in migliaia di casi affrontati ci hanno fatto constatare come usciti da una ditta e andati in quella dietro l'angolo che aveva lo stesso tipo di pezzi o utensili (fabbricati in modo molto simile) il problema lavaggio richiedeva tutta una serie di trattamenti completamente differenti.

I parametri di pulitura possono essere, in alcuni casi, dettagliati dentro ad un tabulato. I tabulati standard del produttore finale (il marchio che trovate sul prodotto finito) richiesti al sub fornitore (colui che lavora in conto lavorazione una parte o in modo completo il prodotto del produttore finale) impongono un residuo micronico e una grandezza residua massima ammissibile. Questo tabulato fornisce solamente il parametro del risultato voluto ma non quale sia il miglior iter da seguire per arrivarci.

Nei casi peggiori di superficialità nei tabulati è stilata una vendor list dove viene indicata una procedura di trattamento testata e sicura in ogni evento con una pretesa sicurezza a priori che il tabulato imposto è ottimo, magari citando la tal lavatrice ad ultrasuoni di un costruttore macchine.. magari neppure più presente sul mercato. Si citano in essa tempi e detergenti, cicli e tipo di ultrasuoni come se questi valori fossero uguali per ogni tipo di lavatrice ad ultrasuoni: una vera assurdità.
In effetti il produttore di lavaggi e impianti costruisce "la propria tipologia di macchinari" e questa ha caratteristiche precise, tecnologie di "ultrasuoni" ben diverse da altri, anche quando gli "ultrasuoni e la singola lavatrice " presentano frequenze e potenze nominali di targa che sono uguali. Ognuno, giustamente, gestisce la propria tecnica e non uno standard universale che possa trovarsi scritto in ufficio su un generico tabulato presso la segretaria dell'azienda richiedente.

La strada da seguire per ottenere il grado di finitura e pulitura specifico del caso è quindi definita dalle esigenze del cliente e richiede tassativamente uno studio preliminare (molto spesso in loco) dell'esigenza di concreta fattibilità, da parte del produttore di lavatrici ad ultrasuoni, di risolvere i problemi di pulitura a ultrasuoni (vedi nostre pubblicazioni tecniche dal 1993 in poi).
A prova di quanto detto sopra noi stessi vediamo come molte macchine "vendute a catalogo" abbiano letteralmente "toppato" quando il produttore di lavatrici industriali (o il commercializzatore) non ha esaminato in modo esaustivo l'esigenza reale del singolo cliente.

Ultrasuoni I.E. ha da sempre preferito seguire una personale filosofia in tal senso, spesso in controtendenza e forse con risultati immediati minori, sicuramente con risultati sicuri nel medio e nel lungo termine.
Le nostre cognizioni tecniche ci hanno portato, sempre, a risolvere l'aspetto applicativo del cliente: per questo il risultato e il grado di finitura con noi è assicurato.

L'utilizzatore con noi può contare su tecnici e specialisti affermati che collaborano in modo diretto con i responsabili dei suoi reparti di produzione e manutenzione. Tecnici degli ultrasuoni che senza tanta burocrazia e con molto entusiasmo sanno come risolvere la pulitura di pezzi, oggetti, utensili, materiali delicati di qualsiasi genere e dimensione.

Al costruttore di lavatrici e di soluzioni e sistemi di lavaggio a ultrasuoni spetta, per tutti questi motivi, il compito di affrontare e risolvere la parte tecnica e applicativa affiancando il cliente per raggiungere il migliore risultato ottenibile, dato che " a vendere vasche di acciaio e schede elettroniche sono capaci tutti".

La potenza e la tecnologia italiana nelle lavatrici ad ultrasuoni

Master builder in ultrasonic-cleaners

Power and technology in italian ultrasonic cleaning

Submitted by Peter | Peter of ULTRASUONI's Staff lavaggio ultrasuoni ultrasonic cleaners

»email this page for your mailing list | see and read more and more